Youth Lagoon

Wondrous Bughouse

2013 (Fat Possum) | psych-pop

Continua il trepestio interno alla mente di Trevor Powers, star da cameretta ormai adottato dall’establishment indipendente d’America, che è ormai condannato ad andare in brodo di giuggiole a ogni giro del caleidoscopio a nome Youth Lagoon.
Dopo il più intimo “The Year Of Hibernation”, “Wondrous Bughouse” è senz’altro una dimostrazione di forza da parte del presupposto “genietto”: un suono stratificato, fatto di escrescenze fluttuanti e luci organiche, di peduncoli e appena percettibili esseri ciliati che si agitano in sottofondo.

Un microcosmo di effetti sintetici e distorsioni puntiformi funzionali alla weirdness dalla quale Powers non si può esentare, pena l’esclusione dal gotha dei giovani artisti statunitensi. Eppure l’equivoco più banale è quello di farla coincidere con l’estro, un difetto di giudizio giustificabile con l’età, da parte sua, ma segno di una certa “immaturità” da parte di quella ingente frazione della critica musicale che lo incensa.
Si rivedono le progressioni distorte e Antlers-iane dell’esordio in “Dropla”; in “Raspberry Cane” i Procol Harum vanno a passeggio in un mondo di caramelle; la cantilena alla “Sgt. Pepper” non si fa mancare in “Pelican Man”; inquietanti carillon da Trouble In Mind fomentano informi favole metropolitane (“Daisyphobia”).

Insomma una psichedelia autistica, un trip del nuovo millennio che inizia e finisce nel vuoto cosmico.

(15/03/2013)



  • Tracklist
  1. Through Mind and Back
  2. Mute
  3. Attic Doctor
  4. The Bath
  5. Pelican Man
  6. Dropla
  7. Sleep Paralysis
  8. Third Dystopia
  9. Raspberry Cane
  10. Daisyphobia


Youth Lagoon su OndaRock
Recensioni

YOUTH LAGOON

The Year Of Hibernation

(2011 - Fat Possum)
L'introspezione poco avvincente del pop "da cameretta" della nuova sensazione transoceanica ..

Youth Lagoon on web